YBlog

Supporto per Indymedia Lombardia: Difendi la tua informAzione

Posted in Informazioni Nazionali, Internet&Copyright, Politica&Società by yanfry on 17 luglio 2013

Appello inviato da un Pirata italiano in diverse mailing list

indimedia

Ciao il mio nickname è Gb seguo questa lista e prima movimento, ECN che è stato il primo collettivo di attivismo, di sperimentazione, di un uso diverso della rete da quello che proponeva il mercato.
Anni dopo in seguito al G8 di Seattle nacque bene o male in tutto il mondo un ambizioso progetto,quello di fare informazione dal basso,dove ogni persona era il media,e con software scritti ad hoc nacque il network Indymedia (((i))).
Indymedia é una rete che produce e distribuisce informazione indipendente, a livello mondiale.

Il network IMC é composto da circa centocinquanta siti web, gestiti da altrettanti gruppi (collettivi e/o reti) locali, dislocati in piú di cinquanta stati differenti – tra cui tutti i maggiori (eccetto la Cina) – e in ogni continente. Nel giugno 2000 Indymedia sbarca in Italia, a Bologna. Mobilitazione nazionale contro l’Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Europeo). Un ragazzo intelligente e ambizioso, un giovane hacker talentuoso: due persone sono sufficienti per allacciare i contatti con l’altro lato dell’oceano, e ottenere il via libera per aggiungere un nuovo nodo al network internazionale IMC. Attivano le rispettive reti di contatti, e lanciano Indymedia Italia.

Alcuni centri sociali e il giro telematico antagonista intuiscono le potenzialitá dell’esperienza e ne accompagnano la crescita. Per piú di un anno Indymedia Italia si é evoluta, come progetto, come partecipazione, in un ambito seriamente undergound, nell’indifferenza (quasi) generale del grande pubblico, e degli altri media. Poi, é arrivata Genova – i giorni caldi del g8. Che Indymedia ha saputo raccontare come nessun altro.
Indymedia é giornalismo senza giornalisti, media senza mediazione.
Chiunque interviene in modo diretto e (ap)porta il suo contributo, che si integra in una modalitá immediata, paritaria, priva di censure, al flusso esistente. E lo arricchisce. Indymedia é il media per tutti.
Ideato da persone che vogliono sottrarsi alle rappresentazioni dei loro percorsi e lotte attuate dai media istituzionali: rappresentazioni quasi sempre banalizzanti, spesso mistificatorie, e a volte intenzionalmente diffamatorie.

Questo sistema sicuramente dava fastidio a molti, per gli scopi politici per cui era nato, per le informazioni fuori dal controllo d’apparato, insomma la verità è sempre scomoda…infatti dall’irruzione nel Media Center di Genova, si cerca in tutti i modi e in vari attacchi di zittire questa voce,molti sono gli esempi e le strumentalizzazioni dalle destre,al parlamento,a connivenze con gruppi estremisti,addirittura si scomoda il Papa.

Poi sappiamo tutti che nel 2006 il sito nazionale chiuse e nacquero dei nodi locali,ognuno indipendente. Ora sicuramente il progetto non è stato al passo con i tempi,che dire se indymedia aveva ad esempio la possibilità di caricare video ed ogni tipo di file ben prima di youtube e dei social-network,ma questa è un altra storia…

 

Di tutto questo ad oggi rimane in piedi il sito lombardo oggi http://lombardia.indymedia.org che purtroppo per svariati problemi,in primis quello della parte economica,ha lanciato con la riapertura delle pubblicazioni,un conto alla rovescia che se non troverà, proposte concrete,consigli,contributi e qui ci rivolgiamo a tutti  movimenti, associazioni, collettivi… chiuderà definitivamente ad agosto.

Pensiamo che il sito sia una importante risorsa per chi crede nell’informazione alternativa, un’informazione senza padroni. Per questo vi invitiamo a postare sul sito le vostre idee,o quello che potete dare,fare,collaborare, perchè non si debba andare su facebook o twitter che sono tutt’altro che informazione libera e dal basso.

10 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] Appello inviato da un Pirata italiano in diverse mailing list Ciao il mio nickname è Gb seguo questa lista e prima movimento, ECN che è stato il primo collettivo di attivismo, di sperimentazione, d…  […]

  2. yanfry said, on 18 luglio 2013 at 7:04 am

    L’ha ribloggato su Partito Pirata Italiano Ferrara.

  3. Ray said, on 13 settembre 2013 at 6:11 pm

    Chiude indymedia?Meno male.Nessuno ne sentirà la mancanza.

    • Pippo said, on 23 settembre 2013 at 7:44 pm

      Se chiude indymedia a me francamente dispiace…dove lo trovi un altro servizio dove leggere tante cazzate e poterne scrivere altrettante…per me è una perdita…fate qualcosa…non ci sono più le zecche di una volta!!!

    • D. said, on 8 gennaio 2014 at 3:24 pm

      infatti vuol dire che tu allora non hai capito nulla

      • yanfry said, on 8 gennaio 2014 at 3:59 pm

        Condivido ma il mondo è bello anche per questo, lui rimane della sua idea e continua ad “informarsi” col tg1 e facebook noi rimaniamo della nostra😉

  4. Paola said, on 26 settembre 2013 at 1:13 pm

    ciao, sono Paola la ragazza di Gimmi, condannato a 14 anni di carcere per i fatti del G8 di Genova e si trova a Roma Rebibbia a scontare. Il compagno Gimmi ha bisogno di urgente aiuto economico per le spese d’avvocato di Catania che deve aprire fascicoli vecchi per sconti di pena…l’avvocato vuole essere pagato e Gimmi ha una condizione economica pari a zero. Ha bisogno di urgente aiuto, se mi lasciate il vostro indirizzo cartaceo farò scrivere una lettera a lui stesso poichè constatiate a verità di ciò che dico, grazie, attendiamo risposta.

    per avere veridicità di ciò che dico del “continuato” dell’avvocato Freddoneve e dei soldi che deve ricevere potete chiamare a lui stesso:
    avvocato Freddoneve: cell. 3395283120, fisso in studio (dopo le 17,30) 095551506

    potete sostenere Gimmi inviando un vaglia postale telegrafico, senza codice, normale, al suo indirizzo:

    Farncesco Puglisi
    Casa Circondariale di Roma Rebibbia
    nuovo complesso in via Raffaele Majetti 70
    00156 Roma

    oppure alla mamma di Gimmi:
    Pace Giuditta, via Zurria 37, 95121, Catania

  5. massimosconvolto said, on 1 marzo 2014 at 6:29 pm

    L’ha ribloggato su Il Blog del Prof. Massimo Sconvolto.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: