YBlog

Il falso dibattito sull’ACTA di Karel de Gucht

Posted in Informazioni Nazionali, Internet&Copyright, Politica&Società by yanfry on 1 marzo 2012

La Quadrature du Net

Il falso dibattito sull’ACTA di Karel de Gucht


La scorsa settimana il Commissario al Commercio De Gucht, lo stesso che aveva recentemente dichiarato che non era “impaurito delle manifestazioni anti-ACTA”, ha spiegato perché, considerando l’ondata di critiche sull’ACTA, sta ora chiedendo alla Corte Europea dei Giustizia di valutare se l’ACTA possa produrre effetti pregiudizievoli per i diritti fondamentali 1 .
Il Commissario DeGucht parla di trovare un equilibrio tra i diritti fondamentali: tra libertà di espressione, privacy, “compreso il diritto di proprietà, nel caso di proprietà intellettuale” 2 , partendo dal presupposto che il diritto d’autore merita la stessa reputazione delle libertà fondamentali delle persone, come ad esempio la libertà di espressione.
De Gucht sta di fatto tentando di coprire le tracce della sua responsabilità per l’inaccettabile ACTA. Sta cercando di guadagnare tempo, disinnescare l’opposizione ed in seguito manipolare qualsiasi dibattito pubblico sulla riforma del diritto d’autore. Egli descrive l’ampio “dibattito Europeo su ACTA” come dominato da “disinformazione sui social media e blog”, come se l’unico ragionevole dibattito sia quello in cui le persone sono d’accordo con lui. La sua difesa dell’ACTA si basa su 2 argomenti principali:
  • ACTA non cambia nulla in Europa e non cambierà il modo in cui i cittadini Europei utilizzano siti web e social media, e
  • ACTA cambierà qualcosa per l’Europa in quanto garantirà che i posti di lavoro degli Europei non vadano persi a causa di merci contraffatte (sic) che inondano i mercati, pari a un valore di 200 miliardi di euro.

EC Midday Press Conference, 26/02/2012


Ciascuno di questi due argomenti è fallato. Senza attendere che la Corte di Giustizia Europea risponda alla questione sollevata dalla Commissione, vediamo di tenere ben presenti alcuni fatti …

ACTA avrà un forte impatto sul futuro del diritto europeo

Ogni trattato internazionale crea obblighi di lunga durata per le sue parti. Ciò è particolarmente vero in seno all’Unione Europea ed ai suoi Stati membri a causa degli obblighi reciproci che li legano. Ma l’ACTA non è come qualsiasi altro trattato. Si tratta di un trattato su come i diritti esclusivi sulla conoscenza, cultura e innovazione saranno applicati. Per molti anni, c’è stato un ampio dibattito sulla necessità di riformare il diritto d’autore e più in generale tutti i diritti esclusivi, in modo da raccogliere i benefici economici, culturali e d’innovazione della tecnologia digitale, dell’accesso aperto e della collaborazione. Un effetto fondamentale dell’ACTA sarà quello di rendere tale riforma più difficile e più costosa.
Questo in particolare nel caso delle disposizioni dell’ACTA in materia di risarcimento, definite nella sezione “procedure civili” del trattato e quindi non sottoposte al (debole) requisito dell’infrazione su “scala commerciale” che si applica nella sezione delle sanzioni penali.
Collocando in un trattato internazionale una definizione di risarcimento che si pretende rappresenti il “danno che il titolare del diritto ha subito a causa della violazione” e che permette di definire i risarcimenti, come uguali (o superiori) al prezzo di vendita di una copia commerciale 3 , ACTA ridefinisce il significato di verità. Non importa quale prova venga fornita, che le vendite perse a causa di condivisione non commerciale di file sono limitate o inesistenti, ACTA consentirà all’industria dell’intrattenimento di bloccare qualsiasi proposta di legge che legalizzi tali attività. ACTA in realtà vende le nostre leggi democratiche future agli interessi di un piccolo club di cacciatori di rendita.

ACTA avrà un impatto diretto sulla libertà di accesso e sulla trasmissione delle informazioni per tutti i cittadini

La Commissione Europea ha sviluppato un dibattito secondo il quale il diritto sostanziale determina, ad esempio, che la portata e la natura del diritto d’autore, dei brevetti o dei marchi di fabbrica rimarranno inalterati da ACTA, perché le sue disposizioni riguardano solo l’applicazione. Questo argomento non resiste ad un esame approfondito, perché la natura dei diritti esclusivi sulla conoscenza, cultura e innovazione è inseparabile dal modo in cui essi vengono applicati. 4

ACTA crea una severa responsabilità finanziaria e penale per gli intermediari attraverso i suoi articoli 9 e 23.4. Questi obbligano gli Stati membri a stabilire procedure di collaborazione tra i titolari dei diritti e gli intermediari per l’applicazione del diritto d’autore on-line (art. 27.3 Ci sono già le prove, in particolare negli esempi degli Stati Uniti e del Regno Unito 5, che una tale combinazione porta ad una limitazione grave e sproporzionata del diritto di accesso e della trasmissione delle informazioni, incoraggiando il filtraggio dei contenuti Internet (per l’accesso o per l’upload su siti), black list di siti, utenti o indirizzi IP e la generalizzazione di misure repressive automatizzate 6 .
Il MEP David Martin ed il commissario UE per il commercio Karel De Gucht pochi mesi fa.
Sostenendo che l’ACTA non cambierà nulla nel modo in cui i cittadini Europei utilizzano siti e ciò che egli chiama “social media”, il signor De Gucht mostra mancanza di rispetto per ogni cittadino online UE, nonché per i membri del Parlamento Europeo.

ACTA protegge alcuni players consolidati dalla concorrenza su servizi innovativi di cui l’Europa ha bisogno

L’industria dei contenuti di oggi è dominata da un numero molto limitato di player monopolisti o oligopolisti, che controllano una quota estremamente elevata di diritti d’autore, mercati di distribuzione e servizi di intermediazione. L’unico giocatore presumibilmente Europeo (Universal Music / EMI, che presto controllerà il 60% della distribuzione delle registrazioni musicali tutelate, se il progetto di fusione sarà approvato) prende tutte le sue decisioni commerciali a Los Angeles e beneficia di un regime fiscale che permette di esportare i profitti al di fuori dell’Europa e d’importare le perdite all’interno. iTunes controlla il 70% delle vendite di file musicali. Amazon ha un funzionamento verticale integrato, dalla pubblicazione alla vendita di libri fisici ed eBook e controlla una quota simile di vendite di libri digitali. Netflix ha una posizione simile per il cinema negli Stati Uniti e ben presto si espanderà in Europa.
L’Europa non riuscirà, in un’economia basata sulla conoscenza, ad emulare questi player consolidati prevalentemente americani. Al contrario, la sua unica vera prospettiva di sviluppo di un’economia culturale di successo consiste nello sviluppo di nuovi modelli, basati sull’imparzialità tra singoli artisti, pubblico e produttori di valore aggiunto. Un accordo come l’ACTA stabilisce un ulteriore vantaggio competitivo per i modelli stessi contro cui l’Europa dovrà competere e che stanno diventando sempre più ostili al grande pubblico. ACTA impedirà all’Europa di fornire servizi innovativi ed equi in nome della difesa di posti di lavoro Europei, dell’industria e dei contenuti. Un trattato che è stato richiesto e promosso da un piccolo club di monopolisti cacciatori di rendita, impedirà a nuove pratiche culturali e servizi di prosperare in Europa ed altrove.

Karel de Gucht vuole che il dibattito si fermi, mentre la Corte di Giustizia studia l’accordo: rimarrà deluso

Perché sa che un dibattito aperto, tenendo in considerazione le argomentazioni sviluppate in precedenza, può solo portare ad un rifiuto dell’ACTA da parte dei Parlamenti Europei e Nazionali, il signor De Gucht vorrebbe che il dibattito si fermasse mentre la Corte di Giustizia UE prepara il suo parere. Le prime reazioni in seno alle Commissioni del Parlamento dell’UE indicano che resterà deluso. Le informazioni possono richiedere del tempo per raggiungere le arene decisonali politiche, ma una volta arrivate, non se ne andranno.

  • 1. Vedi il press-point di metà giornata della Commissione Europea del 22 febbraio 2012, http://mediakit.laquadrature.net/embed/776?size=medium
  • 2. Questo era chiaramente riferito nell’articolo 17 “Proprietà” della Carta dei Diritti Fondamentali, secondo comma, nel quale si afferma: “La proprietà intellettuale è protetta”. Si deve notare che l’art. 17.2 non si riferisce alle persone, una chiara indicazione che si tratta di natura più indiretta rispetto ad altri diritti della Carta.
  • 3. – Art. 9. 1 recita: “Per determinare l’importo del risarcimento per la violazione dei diritti di proprietà intellettuale le autorità giudiziarie delle parti hanno la facoltà di considerare, tra l’altro, qualsiasi misura di valore legittima presentata dal titolare del diritto, che può includere la perdita di profitti, il valore delle merci o dei servizi oggetto della violazione in termini di prezzo di mercato oppure il prezzo al dettaglio raccomandato.”
  • 4. Il Copyright è ad esempio ottenuto attraverso un semplice atto di espressione, con una presunzione di titolarità, sottoposto ad un semplice standard di originalità, ma solo un giudice può decidere che sia stato violato e la libertà di compiere atti che altrimenti violano il diritto d’autore è essenziale per le attività legali quali la parodia, l’educazione, l’informazione, la partecipazione alla cultura, o la citazione. Al contrario, i brevetti sono ottenuti solo attraverso un processo formale di esame, soggetti in linea di principio a criteri di non-ovvietà, inventiva e suscettibilità di applicazione industriale o nozioni simili. Violare il brevetto di un prodotto può essere una normale prassi commerciale, almeno fino a quando vi è stata una notifica da parte del titolare del brevetto di una presunta violazione. Infine i marchi si applicano alle attività in settori che rientrano nelle classi indicate e la valutazione se un marchio sia o meno violato da un’attività è una decisione complessa.
  • 5. L’accesso al sito de La Quadrature du Net è stato bloccato per diversi giorni da Orange per i suoi utenti di telefonia mobile nel Regno Unito, “per errore”, in nome della “self-regulation” contro contenuti pornografici. Vedi: http://www.openrightsgroup.org/blog/2012/orange-uk-blocking-la-quadrature-du-net
  • 6. Misure repressive automatizzate includono i DRM, che non consentono l’uso legale e sono comunque protetti contro l’elusione (art. 27.5).


La Quadrature du Net

2008 – 2012

Fonte: https://www.laquadrature.net/en/karel-de-guchts-fake-acta-debate

Traduzione a cura di yanfry per Partito Pirata Italiano

Advertisements

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] background-position: 50% 0px; background-color:#222222; background-repeat : no-repeat; } yanfry.wordpress.com – Today, 10:02 […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: