YBlog

Qualche sul P2P degli ultimi giorni in pillole

Posted in Informazioni Nazionali, Internet&Copyright, Politica&Società by yanfry on 18 maggio 2010

Facebook cancella la fan page di un sito Torrent.
KickassTorrents, uno dei nuovi arrivati nella scena hot di BitTorrent, ha deciso di aderire Facebook solo tre settimane fa.
Nel giro di pochi giorni la pagina raccolto più di 25.000 fans, ma la cosa non è durata a lungo e la pagina è stata rapidamente rimossa (Google cache).
Il fondatore della KickassTorrents ha detto a TorrentFreak che ha ricevuto una mail da Facebook dichiarando che la sua fan page ha violato i Termini di utilizzo e come tale è stata rimosso.
Nessuna spiegazione è stata data su quale sia stata efettivamente la violazione o le azioni da adottare per evitare che ciò accada in futuro.

La pagina veniva utilizzata solo per aggiornare e informare i fans e non c’erano link ai file torrent.
Tuttavia, non sarebbe una sorpresa se l’associazione ad un sito torrent sia stato motivo sufficiente per Facebook a rimuovere una pagina. Se questo è davvero il caso, Facebook non è molto coerente dato che molti altri siti torrent stanno ancora utilizzando il servizio senza incorrere in alcun guaio.
http://torrentfreak.com/facebook-deletes-t…fan-page-100513 (ENG)

<—–>

PS3 senza Linux, protesta l’Air Force
Un progetto di ricerca dell’aeronautica statunitense messo a rischio dal nuovo firmaware per PS3. Che impedisce di farci girare sopra OS diversi da quello originale.

Nei laboratori di ricerca gestiti dai topgun USA nei pressi di Rome, nello stato di New York, nel 2009 era stato messo insieme un cluster relativamente economico composto da 336 PS3, che tutte insieme garantivano una potenza di calcolo pari a 53 Teraflop. Successivamente il numero di console era stato portato a 2.200 per attestarsi infine a una quantità ottimale stimata in 1.700 unità.

http://punto-informatico.it/2882683/PI/New…-air-force.aspx (ITA)

<—–>

MPAA si preoccupa della Pirateria dei soldati U.S.A in Iraq
Mentre gli uomini e le donne degli Stati Uniti mettono le loro vite a rischio in Iraq, la MPAA ha interrogato i militari sulle abitudini alla pirateria dei soldati di stanza lì.
Un documento declassificato dal Comando Centrale degli Stati Uniti conferma che la MPAA sta combattendo una sua personale guerra in Medio Oriente, contro i soldati che violano il copyright.

I DVD pirata non sono l’unica preoccupazione per la MPAA dato che, più recentemente, il personale militare sta anche utilizzando BitTorrent per accedere a forme di intrattenimento degli Stati Uniti dalle basi straniere.
Un militare all’interno [url=http://torrentfreak.com/us-military-bittorrent-users-targeted-by-mpaariaa-100118/]ha
detto a TorrentFreak[/url] che non vedono altra possibilità che “piratare’, dato che l’industria dello spettacolo dà loro ben poche possibilità di godere dei media digitali legalmente.

http://torrentfreak.com/mpaa-worries-about…-in-iraq-100515 (ENG)

<—–>

Servizi di File Hosting bloccati dal provider britannico Virgin Media
Il Service Provider del Regno Unito Virgin Media, ha apparentemente ripreso la sua lotta contro il siti di file sharing bloccando il popolari servizi di hosting Rapidshare e Megaupload. Da ieri (14/5/2010 ndr), sia Rapidshare e Megaupload sembrano diventati accessibili ad alcuni clienti Virgin.

http://www.p2pon.com/2010/05/15/file-hosti…sp-virgin-media (ENG)

<—–>

Universal ammette che la pirateria musciale è inarrestabile.
La più grande azienda del mondo musicale ha ammesso che la pirateria non può essere fermata.

Francis Keeling, direttore del digitale a Universal Music Group International, ha tra l’altro dichiarato:
“Abbiamo mercati come Spagna e Italia, dove la gente [dice] “Compri musica? Cosa stai facendo, perchè acquisti musica quando la si può ottenere gratuitamente?”
“È evidente che tali mercati sono in una situazione in cui, a meno che non siamo in grado di trasformare quei mercati del tutto, avremo un grave problema con il business musicale lì”.

http://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment_a…ts/10117199.stm (ENG)

<—–>

Radio e Case discografiche in conflitto
[url=http://www.rockol.it/news-143438/I-network-non-passano-in-radio-i-nuovi-dischi–%C3%A8-guerra-sui-diritti-%27connessi%27]I network non passano in radio i nuovi dischi: è guerra sui diritti
‘connessi’ – Industria Musicale[/url]
“Da inizio settimana, i maggiori network radiofonici privati hanno praticamente sospeso la programmazione delle novità discografiche congelando di fatto le playlist: la clamorosa “serrata” è l’ultimo episodio di un duro confronto che perdura da quasi un anno e mezzo e che ha per oggetto l’entità dei diritti “connessi” dovuti alle case discografiche per la pubblica diffusione di musica registrata. Scaduto nel 2006 l’accordo preesistente, le trattative finalizzate ad un rinnovo del contratto erano proseguite senza esito fino al dicembre del 2008, per poi interrompersi del tutto.
http://blog.quintarelli.it/blog/2010/05/ra…-conflitto.html (ITA)

<—–>

Byez.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: