YBlog

SIAE: ma che FAPAV dicono?

Posted in Internet&Copyright, Politica&Società by yanfry on 22 aprile 2010

Immagine
Nella coalizione FAPAV – SIAE, sembra essersi scatenata una meravigliosa competizione alla pubblicazione del comunicato stampa più creativo o, se preferite, a chi la dice più grossa…

Ieri, sembrava, che l’oscar spettasse a FAPAV con il FANTAcomunicato che ho commentato qui.

Oggi però, SIAE, ha rilanciato e, in tutta franchezza, mi ha messo in imbarazzo nell’assegnazione dell’Oscar che, tuttavia, assegnerei al Presidente Assumma come da foto qui sopra.

Scrive, infatti, SIAE nel suo comunicato che

“La sentenza sul caso Telecom è innovativa e importante per Internet e il diritto d’autore. Stabilisce infatti che, in caso di conoscenza di attività illecite a danno degli autori, il prestatore dei servizi Internet (ISP) ha l’obbligo di informare senza indugio l’Autorità Giudiziaria o Amministrativa di Vigilanza, affinché possano essere attivati gli ulteriori obblighi di protezione ad essi spettanti.“.

Letta questa affermazione, ho creduto di essermi dimenticato il testo della disciplina sul commercio elettronico in materia di responsabilità degli intermediari e sono corso a rileggermelo.

Ecco quello che dice l’art. 17 del D.lgs. 70/2003:

omissis

2. Fatte salve le disposizioni di cui agli articoli 14, 15 e 16, il prestatore è comunque tenuto:
a) ad informare senza indugio l’autorità giudiziaria o quella amministrativa avente funzioni di vigilanza, qualora sia a conoscenza di presunte attività o informazioni illecite riguardanti un suo destinatario del servizio della società dell’informazione;

omissis

Mi sembra si tratti esattamente dello stesso rivoluzionario ed “innovativo” principio contenuto nella Sentenza e salutato dalla SIAE come Cristoforo Colombo salutò l’America!

Ma si può definire “importante ed innovativa” una Sentenza che dopo aver respinto tutte le domande – quelle si importanti ed innovative – proposte da FAPAV e supportate da SIAE si è limitata a ribadire pedissequamente un principio sancito a chiare lettere in una disciplina vigente in europa da oltre dieci anni?

L’unica cosa innovativa della Sentenza è rappresentata dal fatto che il Giudice – forse per un lapsus – ha ritenuto che l’autorità di vigilanza competente fosse l’ormai estinto ministero per le comunicazioni anziché l’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni.

Domani chi rilancerà dicendo che il Giudice ha addirittura disposto che la Rete vada chiusa a tutela della proprietà intellettuale?

Fonte:

http://www.guidoscorza.it/?p=1737


Licenza CC:

http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: