YBlog

Etichette musicali Spagnole citano il Governo per il fallimento nel fermare P2P

Posted in Internet&Copyright, Politica&Società by yanfry on 4 marzo 2010

Dicono che il governo è stato “negligente”, sulle richieste di compensazione per gli anni di “massicci download gratuiti” e chiedono immediate “… misure efficaci per proteggere i diritti e gli interessi dell’industria discografica”.

Un certo numero di etichette discografiche indipendenti spagnole sembrano essere affette da un grave caso di delusione, accusando tutti tranne che se stesse per le avversità dell’industria musicale.

Un gruppo di esse ha deciso di puntare i loro obbiettivi legali sul Governo stesso per non averle adeguatamente protete dal file-sharing illegale. Lo accusano di “negligenza” e domandano indennizzi per gli anni di “massiccio download gratuito” che hanno dovuto sopportare.

In Spagna i giudici hanno stabilito a più riprese che un singolo file-sharer è legale fino a quando non si “parla di denaro o di qualsiasi altro compenso nella condivisione di materiale reso disponibile tra utenti diversi”, così lo scorso gennaio, il Governo ha cercato un approccio diverso prendendo come obbiettivo i gestori di siti che facilitano la violazione del copyright.

Il Governo ha risposto alla querelle indicando la nuova legislazione come esempio dei suoi sforzi per combattere la pirateria online, ma le case discografiche giustamente riconoscono che la legge avrà un effetto limitato sul problema.

“La proposta è insufficiente – si potrebbe chiudere un sito Web, un giorno, e 500 nuovi potrebbero aprire il giorno dopo in Ucraina, per esempio”, dice Gerardo Carton, un portavoce delle etichette coinvolte.
“La misura non risolverebbe il problema più rilevante, che è l’impossibilità effettiva da parte nostra di un’azione civile nei confronti di quegli utenti finali che si appropriano della musica senza pagare, e sistematicamente violano i diritti di proprietà intellettuale.”

Eureka.
È proprio per questo che le case discografiche dovrebbero concentrarsi sul dare al consumatore quello che vogliono, dove e come vogliono. Prima si rendono conto di ciò e meglio sarà, ma purtroppo tutti sappiamo che ciò non accadrà mai.

“Pensiamo che l’Amministrazione è responsabile per la nostra situazione”, aggiunge Carton, come se il Governo sia il colpevole della cattiva gestione del settore.
“Chiediamo che il governo adottare immediatamente misure efficaci per proteggere i diritti e gli interessi dell’industria discografica, nonché i diritti di proprietà intellettuale degli agenti che intervengono nel processo creativo musicale in Internet.”

È qui che la cosa si fa veramente triste.
Le etichette discografiche stanno sostanzialmente chiedendo al Governo di trovare un modo per filtrare e presumibilmente “gestire” Internet per assicurarsi che essi siano in grado di guadagnare ogni euro essi sentono gli sia dovuto.
Non ci sono “misure efficaci” quando si tratta di combattere la pirateria on-line all’infuori di draconiane soluzioni come il DPI (http://blog.quintarelli.it/blog/circa-la-deep-packet-insp.html ndr).

È questo che le etichette discografiche stanno chiedendo?
E ‘piuttosto spaventoso pensare che questi gruppi – in particolare i gruppi indipendenti – che sono così strettamente connessi ad una cultura di libero pensiero e di espressione per creare in primo luogo musica, domandino che tutti gli altri cedano tali diritti semplicemente in modo che loro possano ottenere di più.

E ‘un accostamento strano, e riassume il perché nel pubblico stia crescendo la stanchezza nei confronti delle etichette discografiche e per le scuse sempre più irrazionali per le loro azioni.

Stay tuned.
jared@zeropaid.com

Fonte: http://www.zeropaid.com/news/88268/spanish-record-labels-to-sue-for-govts-failure-to-stop-p2p/
Traduzione a cura di Scambioetico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: