YBlog

Da IFPI il nuovo rapporto sulla musica digitale

Posted in Internet&Copyright, Politica&Società by yanfry on 24 febbraio 2010
Scarica Digital-music-report-leggero

Nulla di radicalmente nuovo.

Anzi, no, a ben leggere, di nuovo c’e’ una possibile evidenza che la IPRED, entrata in vigore in Svezia, non ha funzionato e che il problema non e’ se un “rimedio” adesso puo’ funzionare, ma quanto sarà facile aggirarlo…

Il report inizia con una dichiarazione non nuova..

Citazione
“Un decennio di furti e di file sharing musicale hanno dimostrato che a farne le spese è chi la musica la crea… mentre a beneficiare di questi Robin Hood al contrario sono ricchi service provider i cui profitti gonfiati riflettono perfettamente il crollo di fatturato dell’industria musicale.”
Bono, singer-songwriter, sul New York Times, Gennaio 2010

Facesse Bono il nome di un “ricco service provider” (uno solo!) i cui profitti si siano gonfiati e che non collabori con l’industria musicale.

Io non ne conosco nemmeno uno.  Sfido chiunque…

La pirateria sta ammazzando l’industria, non si investe sugli artisti locali, il “tre botte e via” e’ la strada giusta, gli ISP devono essere responsabilizzati, in Corea l’hanno fatto e le cose vanno benissimo, riprendono vendite ed  investimenti sugli artisti locali:

Citazione
in un sondaggio indicativo basato su 1.000 interviste, il 45% del campione ha risposto di avere ridotto la quantità dei file scaricati abusivamente.
In virtù anche di questo clima più favorevole, i servizi musicali legali e i rivenditori tradizionali di dischi stanno registrando incoraggianti tassi di crescita nel loro giro d’affari.
Simultaneamente, le case discografiche segnalano un aumento degli investimenti nel repertorio locale che a sua volta sta stimolando la ripresa del mercato.

Su una cosa cosi’ importante mi sarei aspettato di vedere _numeri_ dai report finanziari e non dati qualitativi da un sondaggio

Allora sono andato a cercare l’associazione locale Coreana iscritta ad IFPI e .. non esiste.
Allora sono andato a cercare le aziende Coreane iscritte ad IFPI … sono Warner, Universal, Emi e Sony BMG. Purtroppo nessuna di queste pubblica dati per paese.
Avendo del tempo si potrebbe fare quattro ricerche su dichiarazioni e comunicati su quotidiani coreani..

Poi la Svezia:

Citazione
A fronte di vendite generalmente declinanti in tutta Europa, nel Paese scandinavo il fatturato musicale ha registrato un incremento del 10,2% nei primi dieci mesi dell’anno, sospinto da una crescita del 98,6% del mercato digitale e da un aumento dell’1,9% nelle vendite di supporti fisici. La ripresa della Svezia sembra imputabile a un misto di “carota” (nuove offerte musicali) e “bastone” (applicazione delle leggi). Nel 2009, la crescita del mercato digitale è da attribuirsi soprattutto ad iTunes e a Spotify, mentre alcune case discografiche hanno visto raddoppiare
il loro fatturato nel settore. Entrato in funzione nell’ottobre del 2008, Spotify, in particolare, ha raggiunto in un solo anno il 17% della popolazione svedese.
Non sono stati solo i fattori endogeni al mercato, tuttavia, a produrre questi risultati. Nel corso del 2009 la Svezia ha rafforzato gli strumenti legali di tutela, ed enorme rilevanza mediatica hanno ottenuto sia l’applicazione della nuova legge IPRED antipirateria che la sentenza di condanna emessa contro il maggiore tracker illegale nel mondo di file BitTorrent, The Pirate Bay.
La nuova legge IPRED è entrata in vigore il 1° aprile del 2009. Basata sulla direttiva di enforcement dell’Unione Europea, ha riconosciuto ai titolari dei copyright la facoltà di ottenere dai service provider nome e indirizzo di chi viola i loro diritti. Ci sono prove concrete del fatto che in breve tempo la legge ha modificato il comportamento dei consumatori di musica: una ricerca di GfK risalente al mese di giugno rilevava che, in seguito all’introduzione della legge IPRED, il 60% dei file-sharer illegali aveva interrotto o ridotto la sua attività. Da allora, tuttavia, sembra che in Svezia il tasso di pirateria abbia ricominciato a salire, evidenziando la necessità di un rispetto rigoroso delle leggi e della cooperazione degli internet provider.

Leggendo fonti svedesi (The Local) in Svezia IFPI dice che la crescita non e’ stata del 10 ma del 18% ! (sara’ che lo 0 sui computer assomiglia all’8 ?)

…e la pirateria e’ arrivata a livelli record a fine anno. File sharing in Sweden nears record high – The Local.

Citazione
The entertainment industry was satisfied and hoped for a boost in record sales. And according to the International Federation of the Phonographic Industry (IFPI), music sales increased by 18 percent over the first nine months of 2009. But after the feverish downloading at the end of March and the abrupt decline in April, file sharing has steadily recovered. Several weeks ago, Internet traffic passed the previous all-time high, reported in March.

Conoscendo gli svedesi, che non sono certamente fedeli allo stereotipo della macchietta napoletana, non dimostra forse che IPRED non e’ servito ?

Il problema non e’ se un “rimedio” funziona, ma quanto sarà facile aggirarlo…

Come Napster: chiuso quello, il problema e’ risolto ! (si diceva)
Bittorrent ? Roba da geek… (si diceva)

Premesso che penso che chi vende dvd piratati dovrebbe essere colpito, se ci fosse una offerta di video legali a prezzo ragionevole con buona qualita’  disponibili quando l’utente vuole fruirli, si disincentiverebbe la pirateria.

E penso che piu’ che ai ricavi bisogni guardare ai margini, e penso anche che una piratata non coincide con una mancata vendita.  E che si, forse c’e’ una riduzione complessiva della musica e forse e’ fisiologica;  e penso anche che il fatturato dell’intrattenimento e’ in forte crescita e che al suo interno ci sono spostamenti di valore tra segmenti. E che aziende dell’intrattenimento che fanno musica e videogame, tanto male non se la spassano, almeno a leggere l’amministratore delegato di Vivendi., padrone, tra l’altro, di Universal Music Group.

Fonte: http://blog.quintarelli.it/blog/2010/02/da-ifpi-il-nuovo-rapporto-sulla-musica-digitale.html
Licenza CC: http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: