YBlog

TorrIndex, il primo indice basato solo sui Magnet

Posted in Internet&Copyright by yanfry on 18 gennaio 2010

Roma – Lo scorso novembre The Pirate Bay ha annunciato di mollare la presa sui tracker BitTorrent: si tratta, diceva il gruppo, di una tecnologia consunta. Ne ha subito approfittato una nuova realtà, creando quello che si ipotizzava potesse essere il nuovo nome della Baia dei Pirati (The Magnet Bay): è online – sia pure in Beta – TorrIndex, il primo indice basato esclusivamente sui link magnetici.

L’annuncio della Baia, come i più attenti avranno notato, ha scatenato un piccolo terremoto nei client BitTorrent. Benché alcuni di essi, come μTorrent o Vuze, fossero già pronti all’uso dei link magnetici, alcuni altri come Transmission o Bitcomet erano assolutamente incapaci di utilizzarli.

La tecnica dei link magnetici funziona bene, non c’è che dire, ma da sola non può bastare a tenere in piedi il meccanismo. Nei file .torrent, d’altra parte, vi sono ancora oggi informazioni importanti e irrinunciabili per poter svolgere l’attività di file transfer senza difficoltà.

TorrIndex oggi dimostra che è possibile avere un indice dei contenuti pur senza ospitare alcun file .torrent: nei link il sito inserisce anche i tracker originari e diverse altre informazioni che li fanno funzionare come fossero normali file .torrent nel proprio client.

TorrIndex, infatti, raccoglie da vari altri siti sulla Rete le informazioni necessarie e consente anche all’utenza di aggiungere i propri link magnetici sul sito. A prima vista, navigando sul sito può evincersi che le fonti di cui si serve siano tutte molto moderate e prive di spam, visto che il numero di link poco ortodossi sembra piuttosto limitato.

Al momento non si possono inserire commenti, non ci sono lucine e lucette, è tutto molto essenziale: semplicemente un indice, ricercabile, di link magnetici.

La curiosità ha spinto TorrentFreak a contattare il titolare del sito, dal quale ha saputo che tutto è totalmente automatizzato: i link vengono categorizzati automaticamente basandosi sul tipo di file, sulle dimensioni e alcuni altri parametri.

TorrIndex inoltre utilizza le Distributed Hash Table (DHT) per i propri conteggi di seed e peer, oltre alle statistiche riportate dai tracker ancora in funzione.

Come detto all’inizio, si tratta di una fase di Beta test, dunque ci si può imbattere in link non funzionanti e altre amenità tipiche delle fasi iniziali. Ma a quanto pare il progetto è in pieno sviluppo e tra le prime cose che arriveranno ci sarà proprio la possibilità di commentare e di fare classifiche.

Non è quindi da stupirsi, come lo stesso TorrentFreak anticipava, se The Pirate Bay dovesse a un certo punto abbandonare del tutto la vecchia filosofia e convertirsi definitivamente ai soli link magnetici: si tratterà, semplicemente, di adeguare tutti i client. Con buona pace di chi pensava di aver assestato un colpo mortale al Peer To Peer.

Marco Valerio Principato

Fonte: http://nbtimes.it/tecnologie/internet/4685/torrindex-il-primo-indice-basato-solo-sui-magnet.html
Licenza CC: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/deed.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: