YBlog

Se becchi il pedopornografo, puoi beccare la pirateria, giusto ? (no, sbagliato)

Posted in Internet&Copyright by yanfry on 13 gennaio 2010

Mi ha scritto un amico, non tecnologico, segnalandomi questo : Pedopornografia, commerciavano foto di violenze sul web: 10 arresti – Corriere della Sera e ne è nata una discussione interessante da riportare:

Il tema e’ sempre delicato per l’abiettezza di questi comportamenti.

I numeri contano, molto.
Io gli ho fatto notare che la cosa funziona perche’, dato che  i numeri in gioco sono limitati, non c’e’ software ad hoc per occultare questi traffici (o se c’e’, e’ talmente limitata la sua diffusione che i pedopornografi lo conoscono  e “noi”, no).

Analogamente si puo’ beccare un pirata del copyright, ma non si possono beccare tutti. Per beccare questi *10* delinquenti, per un reato così odioso, si sono mossi un grande numero di inquirenti specializzati e procure in giro per l’italia; non è riproducibile per infrazioni del copyright commesse da *milioni* di persone.

L’articolo cita UN caso in cui sono stati beccati e fa (giustamente) notizia; da questo, purtroppo, non si puo’ logicamente desumere che si possono beccare tutti i pedopornografi.

La tecnologia e l’aggiramento delle barriere
La domanda non e’ se una tecnica oggi, in qualche caso, funziona ma quanto SARA’ facile aggirarla massivamente.

Il mio amico mi ha chiesto se, il fatto che la tecnologia vinca, implica che bisogna lasciar perdere. Proiettili di ghiaccio e creme esplosive nell’ano sono una colpa delle norme piu’ stringenti contro il terrorismo ? e per questo dovremmo smettere di contrastarlo ?

Invece si aumenta la prevenzione, i filtri, che in questo caso dovrebbero essere posti  in essere dagli ISP, se fossero collaborativi.

Se controlliamo il traffico aeroportuale, non possiamo controllare il traffico dati ?
Ma l’analogia, a mio avviso, non regge. Non e’ la stessa cosa.

Nel caso dell’antiterrorismo aereo  si controlla l’accesso al mezzo che consente di realizzare l’atto, non la realizzazione dell’atto una volta che si è compiuto l’accesso. L’analogia sarebbe più calzante se si controllassero tutti i PC prima di ogni loro
utilizzo.

Cosi’ come controlliamo tutti i passeggeri, prima dell’imbarco, per vedere se hanno a bordo di sè degli strumenti illeciti, controlliamo tutti i PC prima del loro uso per vedere se hanno degli strumenti illeciti ?

controllare tutti i passeggeri e’ praticabile, ma, ovviamente, controllare tutti i PC  (e _miliardi_ di altri dispositivi elettronici) non lo è.

Se i soggetti non sono controllabili a priori, una volta che  sono a bordo, non si puo’ evitare che questi compiano un atto illecito.

certo, a meno di non imporre a tutti i vettori di avere a bordo dei sensitivi o degli esperti di psicologia comportamentale che monitorizzino tutti gli atti dei passeggeri.

La cifratura e le toilette
Ma quando potenziali terroristi vanno in bagno, che si fa ? si fanno seguire e guardare a vista ?

Le recenti norme antiterrorismo sui voli USA, infatti, escludono la possibilità di utilizzo del bagno un’ora prima dell’atterraggio. Ciò non esclude il rischio che l’aereo venga fatto esplodere, ma solo che non venga fatto esplodere su una città.

Se fosse sempre vietato usare il bagno, resterebbero solo pochi voli (quelli per l’appunto di un’oretta) e il sistema di trasporto aereo (tutto il trasporto di massa, in realta’), di fatto cesserebbe.

L’imposizione di filtri, aumenta la cifratura (aiutando anche i pedofili e terroristi a nascondersi piu’ facilmente), come sta accadendo in svezia.

Se vietiamo la cifratura, telelavoro, home banking, accesso alla pubblica amministrazione, firma digitale, supporto ICT alla sanità, ecc. ecc., non sono possibili.

Cassandra e i grandi sacerdoti
«I greci dedicano questa offerta di ringraziamento ad Atena per un buon ritorno»
I troiani preferirono credere a quanto gli dicevano i Greci, rispetto a quanto gli stavano dicendo Cassandra e Lacoonte e introdussero il cavallo in città, eliminando ogni propria possibilità di contrasto agli avversari

Similmente adesso i tecnologhi che vendono le proprie scatole dicono agli “assediati” titolari dei diritti: “usate i nostri apparati e non passerà piu’ nulla di illecito”.

Il problema è che i troiani ci hanno creduto ed hanno fatto una brutta fine, Lacoonte fu divorato assieme ai suoi figli da serpenti usciti dal mare, e Cassandra, prima di morire fu stuprata e rapita.

A quel punto, a qualcuno venne il dubbio che forse avesse ragione..

Fonte: http://blog.quintarelli.it/blog/2010/01/se-becchi-il-pedopornografo-becchi-la-pirateria-giusto-no-sbagliato.html
Licenza CC: http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: