YBlog

I dati che non piacciono alle Etichette Discografiche

Posted in Internet&Copyright by yanfry on 15 dicembre 2009

I grafici che le etichette discografiche non vogliono che vediate: I Musicisti svedesi guadagnano più soldi che mai.

Abbiamo già discusso della ricerca effettuata sull’industria musicale britannica, che dimostra come le entrate per le performance dal vivo sono maggiori del calo riscontrato dalle entrate relative a registrazioni e che gli introiti degli stessi musicisti sono maggiori che mai.
Alcuni avevano suggerito che questo è un fenomeno del solo Regno Unito, ma uno studio a livello mondiale ha confermato gli stessi risultati.

Ora sembra che lo stesso risultato si sia riscontrato in Svezia, – a casa di The Pirate Bay, che ci è sempre stato detto sta  distruggendo l’industria.
Il proprietario di un’etichetta indipendente Svedese, Martin, ci informa sui dati del settore musicale svedese, che risultano molto simili ai dati del Regno Unito.
In primo luogo essi mostrano che mentre c’è stata una lieve diminuzione nel globale delle entrate, ci si risposta verso i massimi livelli, soprattutto per la grande crescita della musica dal vivo:

Grafico Daniel Johansson

Fondamentalmente, i ricavi delle registrazioni sono in calo. Quelli della raccolta di licenze e autorizzazioni rimangono gli stessi, ma quelli dal vivo sono cresciuti. Ancora più importante, però, è il secondo grafico, che mostra le entrate per i musicisti. E queste seguono un’unica direzione: verso l’alto.

Grafico Daniel Johansson

E tuttavia The Pirate Bay sta distruggendo la possibilità di fare musica, giusto?
Divertente come i numeri non sembrano sostenere questa tesi.
Fondamentalmente, queste tabelle dimostrano la stessa cosa che hanno dimostrato altri studi. Viene creata più musica. C’è una maggiore “scoperta” di nuova musica. Ci sono maggiori opportunità di guadagno per i musicisti e l’unica parte del business che sembra essere in sofferenza è la parte che si occupa della vendita di dischi di plastica.
Sì, questo è orribile se la vostra attività è basata sulla vendita di dischi di plastica, ma per coloro che possono adattarsi, ci sono maggiori possibilità di fare soldi che mai.
Tutto ciò va un pò contro le rivendicazioni sul fatto che la “pirateria” stia distruggendo l’industria, non è vero?

Fonte: http://techdirt.com/articles/20091213/1648377324.shtml
Sito: http://techdirt.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: