YBlog

Castells: Il futuro è Internet e Tv, la Rete non può essere controllata

Posted in Internet&Copyright, Politica&Società by yanfry on 8 dicembre 2009
Intervista di STEFANO CARLI

«Internet e la tv sono due costellazioni della comunicazione che sono destinate a convivere l’una accanto all’altra, anche se in uno scenario che sarà progressivamente diverso da quello a cui siamo abituati oggi. Per certi versi Internet assorbirà al suo interno la tv. Ma il mondo di Internet, che è il mondo della ‘autocomunicazione di massa’ non sostituirà quello della tv, che è il mondo della comunicazione unidirezionale, da uno, il broadcaster, verso tutti. E poi la galassia della tv è specializzata e concentrata su due sole tipologie di contenuto: l’entertainment e l’infotainment, mentre Internet è molto più ampia».
E’ così che Manuel Castells, tra i maggiori studiosi a livello mondiale della società dell’informazione, che da vent’anni si interessa di Internet e del suo impatto sulla società contemporanea, vede l’azione reciproca dei due media più potenti.

Quindi è un errore vedere Internet in contrapposizione agli altri media?
«Quello che succederà è che sempre più Internet integrerà la tv al suo interno. Già oggi le giovani generazioni guardano la tv attraverso Internet. Così come si informano e apprendono le notizie attraverso Internet».

Si riferisce alla convergenza? Al fatto che presto avremo Internet dentro gli apparecchi televisivi?
«La convergenza non è tanto una questione tecnologica quanto mentale. I terminali continueranno a restare diversi e separati: useremo l’uno o l’altro, uno smartphone o un pc o la tv a seconda delle nostre esigenze».
«Ma saremo noi, nel nostro cervello, a realizzare la convergenza».

Nel suo ultimo libro, ‘Comunicazione e potere’, le parla della ‘tv mutante’. Cosa intende dire?
«Che la tv è cambiata. Una volta il 90% delle persone guardava i trequattro maggiori canali tv. Oggi quella quota negli Usa è scesa al 20%, in Spagna siamo al 25%: la tv non ha più quella stessa capacità di prima di raggiungere tutti».

In Italia però è forse ancora un po’ così.
«Ma perché voi avete un monopolio: avete un solo network che fa capo a Silvio Berlusconi. Un network parte pubblico e parte privato. E questa è una delle ragioni per cui l’Italia sta rimanendo indietro in questa fase di sviluppo delle nuove comunicazioni. Vede, un’offerta tv molto semplificata, semplice, ridotta nei contenuti all’entertainment, non aiuta lo sviluppo di Internet. Mentre le nuove generazioni oggi crescono completamente in Internet. E poi in Italia c’è un altro problema: voi siete una nazione ‘anziana’. Siete una società di ultracinquantenni. E sono gli ultracinquantenni che guardano molto la tv. L’Italia ha dei buoni indici di longevità. ma questo è anche un indice di senilità».

Torniamo agli scenari globali. Non c’è contraddizione tra lo sviluppo della autocomunicazione di massa, la moltiplicazione di produttori di contenuti, e la progressiva concentrazione di gruppi economici nel settore dei media?
«No: è un processo di globalizzazione e customizzazione, ossia di concentrazione anche sulle esigenze degli utenti»

Cioè?
«Per vendere un prodotto, nel settore della comunicazione, devi attrarre audience, devi ‘vendere’ a grandi quantità di persone. Prendiamo il caso di MySpace . Murdoch possiede MySpace ma MySpace è uno spazio di comunicazione che in qualche modo appartiene anche alla gente che comunica attraverso MySpace e Murdoch deve rispettarla. Se non lo facesse, creando barriere o non garantendo il libero utilizzo del network, sarebbe facilissimo veder emergere altri portali pronti ad offrire condizioni più libere. Questo perché le barriere di ingresso nel business di Internet sono molto basse. Non serve un grande capitale: si può partire velocemente ed essere subito competitivi. E’ già successo».

Quando?
«Facebook a un certo punto cercò di fare pagare gli utenti: nel giro di 24 ore si realizzò una specie di esodo. una migrazione di massa da Facebook verso una miriade di altri portali di social network. Ritornarono sulla decisione».

Proprio riguardo al pagamento dei contenuti, si sta profilando un accordo tra Murdoch e Google sulle news: il modello potrebbe essere di lasciarne una quota libera e mettere le altre a pagamento.
«Ma quello è un accordo tra corporation: non tocca il cuore del problema delle news. Gli utenti di Internet cercano di vivere in un sistema di comunicazione libera. Se qualcuno cerca di farli pagare loro si rivolgeranno a qualcun altro. Tanto su Internet si possono trovare tutte le notizie perché c’è sempre qualcuno che leggerà una notizia da qualche parte, un altro sito, o magari un giornale di carta, e la riporterà in rete dove tutti gli altri potranno leggerla. E poi si può sempre dire che ciò che si propaga in rete non è una notizia presa da una parte o da un’altra, ma il fatto. E il fatto a chi appartiene? Sui fatti non c’è copyright».

E’ per questo che i giornali faticano a trovare un modello di business sull’online?
«Sì. E’ una situazione triste ma i giornali devono reagire. I giornali sopravvivranno se punteranno tutto sulla credibilità. Se perdi credibilità perdi tutto. Poi devono capire come affrontare il vero cambiamento che Internet sta imponendo loro: il cambiamento della piattaforma tecnologica: è la carta stampata che non funziona più».

In un’intervista recente al El Pais lei ha detto che la copia cartacea dei quotidiani dovrebbe essere venduta a 10 euro, che dovrebbe diventare un prodotto di lusso. Era un paradosso, una battuta?
«Niente affatto, la carta costa e ha un forte impatto ambientale. La distribuzione digitale è il futuro. La piattaforma sta cambiando: i giornali dovranno avere una edizione cartacea limitata e portare la diffusione principale su Internet. Il vero nodo è trovare il modello economico. E’ lo stesso problema che ha affrontato o sta affrontando ogni settore industriale coinvolto dall’avvento di Internet, a cominciare dai film e dalla musica. Anzi, nella musica una soluzione è stata trovata: è il modello ITunes, basato sulla ‘coda lunga’».

Cioè?
«ITunes non vende Cd ma singoli brani che ognuno può scegliere da un enorme catalogo. Ognuno può comprare a bassissimo prezzo una piccolissima parte del catalogo. Microapgamenti e possibilità di acquistare solo ciò che si vuole e non un insieme imposto. E’ il modello che sta sperimentando ora il Wall Street Journal. Chi vuole non si deve comprare tutto il giornale ma solo la notizia per cui ha interesse in quel momento: bisogna saper raggiungere e suscitare l’interesse di una grande moltitudine di piccoli insiemi di utenti ciascuno interessato a una singola certa notizia».

Tra contenuti globali e autocomunciazione personale c’è anche un futuro per un livello di contenuti locali?
«Le notizie locali sono le più importanti. Le persone sono estremamente interessate all’informazione locale. Perché l’informazione locale parla di loro, di cose molto vicine alla gente. E una delle grandi qualità di Internet è proprio quella di far crescere la dimensione locale, permettendo la formazione di comunità di interesse dal basso. Sono comunità che possono facilmente arrivare a coincidere con le municipalità, i comuni. Su Internet vive un’enorme galassia di radio e di tv locali. Sono migliaia e migliaia, e sono proprio quelle più seguite dai giovani nel mondo. E noi dobbiamo sempre tenere lo sguardo sui giovani, perché i comportamenti che stanno sviluppando oggi saranno lo standard universale di domani».

Questo sviluppo tumultuoso di Internet sta riproponendo il problema del controllo della Rete. Internet ha bisogno di una governance?
«Sono stato molti anni in commissioni di ogni genere su Internet. Nel 1997 sono stato nella prima commissione Ue su Internet e la Information Society e sempre la prima questione è stata: come possiamo controllare Internet. Ma di fatto Internet non si può controllare. Anche il governo iraniano ha provato a controllare Internet per impedire le rivolte ma non c’è riuscito».

Però anche la Spagna di Zapatero ha emanato una legge per cercare di impedire la pirateria minacciando la chiusura dei siti.
«Si dovrebbe mettere in prigione un terzo della popolazione giovanile mondiale, in Usa 75 milioni di persone fanno regolarmente dei download in violazione delle norme sul copyright. Ma questo riguarda i modelli di business. Il problema del governo di Internet è diverso. Il potere ha sempre cercato di realizzare un controllo sulla comunicazione. Ma con Internet non si può. Ormai è troppo tardi: è troppo diffusa. Se si chiude un sito da una parte lo si può riaprire da un’altra. Gli unici controlli possibili sono quelli automatici, basati su parole chiave. Ma se quelle parole non vengono usate, se, per esempio, non pronunci le parole proibite Tibet o Tienanmen, nessuno può trovarti e controllarti. Gli Stati hanno sempre cercato di tenere sotto controllo Internet ma senza successo. Perfino gli Usa».

Quando?
«Sotto l’amministrazione Clinton, per ben due volte, ma furono entrambe fermate dalla Suprema Corte. Poi l’anno scorso in Francia con Sarkozy, bloccato però dalla Corte Costituzionale. La verità è che Internet non ha un sistema di controllo. Le cose che si possono fare e non fare su Internet sono le stesse del resto della società, quindi da questo punto di vista il problema non c’è. Quindi quando si parla di leggi e regole su Internet si parla di altro: di controllo preventivo. Ma Internet non può essere un po’ più o un po’ meno libera. O è libera o non lo è. Non è come la tv o i giornali, che hanno un sistema di controllo in quanto hanno una proprietà. Internet non ha niente di tutto questo. E per questo crea panico nei governi: perché non ha controllo e non è controllabile».

Vuol dire che su Internet alla fine valgono solo le regole che essa stessa si da?
«Sì, nel senso che Internet è un organismo autoregolato. Ma regolato da chi? Dagli 1,6 miliardi di persone che la usano e che si regolano da sole. Ci sono buone e cattive persone, quindi Internet è come siamo noi. E’ come uno specchio in cui guardare noi stessi».

Fonte: http://www.repubblica.it/supplementi…01kiarore.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: