YBlog

Flash e AIR sposano il P2P

Posted in Internet&Copyright by yanfry on 23 novembre 2009

Roma – Multitouch? Interessantissimo, ma c’è di che ben distrarsi: Adobe, la scorsa settimana, ha pensato bene che il P2P non deve necessariamente essere un mezzo per piratare, piuttosto un utile strumento multicast. Proprio questo è ciò che si vedrà nelle nuove versioni di Flash e AIR. Da notare: anche, anzi, soprattutto per gli smartphone.

Cosa succede, in breve? Che, con il consenso dell’utente, la diffusione di contenuti multimediali non graverà solo e direttamente su un unico server che “trasmette”. Si avvarrà, invece, della possibilità di agganciarsi ad una trasmissione multipla, effettuata appunto in multicast, eseguita da alcuni dei client stessi.

Per raggiungere questo obbiettivo Adobe si è servita praticamente in toto della tecnica di BitTorrent: costruire, quindi, delle soluzioni groupware vere e proprie, in larga scala, basate sul P2P che funzionino dentro al browser e trasmettano video a milioni di spettatori, senza dover pagare una fortuna in banda Internet, spiega NewTeeVee.

Si tratta di una tecnica a cui Adobe lavora già da parecchio. L’ha presentata il project leader di Adobe, Matthew Kaufmann, in un video dai contenuti piuttosto tecnici ma con parecchi aspetti interessanti.

C’è stato molto lavoro per rendere questo progetto davvero scalabile e affidabile, combinando tra loro un gran numero di meccanismi. Chi pubblica, ad esempio, può distribuire un video in multicast IPv6 ed avere una sorta di backup distributivo con il supporto del multicast P2P. Oppure, può iniziare uno streaming da un server, come fatto finora, e sospingere la distribuzione  verso questa nuova tecnica. Kaufmann ha anche precisato che la latenza dell’implementazione Adobe in P2P è nettamente inferiore a quella adottata da altri sistemi (si pensi a Vuze, ndR).

Ma non è finita: gli sviluppatori potranno creare vere e proprie applicazioni all’interno dei browser, capaci di sfruttare questa novità. Un esempio è la replicazione degli oggetti, che è semplicemente una definizione più accademica di quanto accade con il file sharing.

Insomma, una piccola grande rivoluzione. Per vederla in azione, però, ci vorrà ancora qualche mese. Non sarà neppure facile convincere chi produce contenuti a servirsi di uno strumento in cui aleggi il solo acronimo, P2P, che da sempre è l’etichetta della pirateria. Ci sono, però, dall’altra parte, grosse economie di scala sotto il profilo della banda, che potrebbero spingere tanto i produttori quanto (anzi, soprattutto) gli ISP a guardare la soluzione con altri occhi.

Lo scenario effettivo, dunque, è ancora tutto da decidere, ma le promesse ci sono e, dove sono economicamente allettanti, certamente sono destinate a non passare inosservate.

Marco Valerio Principato

Fonte: http://nbtimes.it/tecnologie/informatica/4133/flash-e-air-sposano-il-p2p.html
Licenza CC http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/deed.it

About these ads
Tagged with: , ,

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. uberVU - social comments said, on 23 novembre 2009 at 10:22 pm

    Social comments and analytics for this post…

    This post was mentioned on Twitter by yanfry: Flash e Air sposano il #p2p http://bit.ly/5VfmYt

  2. Trackback said, on 30 novembre 2009 at 6:48 pm

    Comentario…

    [..]Articulo Indexado Correctamente[..]…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 57 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: